gigolo secondo giorno

Gigolo Secondo Giorno

Gigolo secondo giorno c’è o non c’è? Ma eccomi qui, finalmente riesco ad avere un momento di tranquillità per mettermi a comunicare con voi! Dove eravamo rimasti? A, giusto, son arrivato a casa della donna che mi aspettava per partire per il nostro viaggio avventuroso.

Come son andate le cose? Beh, un evolversi continuo di situazioni…Da prima dovevamo rimanere a casa sua, dato che arrivavo dopo qualche ora di treno da lei, quindi relax, cenetta e via sotto le coperte, per poi svegliarsi la mattina, caricare la macchina e partire. Invece…Gigolo secondo giorno ha inizio…

La mia voglia di viaggiare non si era sicuramente placata appena arrivato a casa sua, quindi è scattata la proposta di caricare la macchina all’istante e fare un pezzo di strada, fino a quando ne avremo avuto voglia. Lei, un po’ indecisa, si vede, non mi conosce ancora bene e non ha tutta questa confidenza profonda, ci pensa un po’ e alla fine mi da la sua approvazione, quindi chiude le sue valigie e si parte.

Il gigolo e la donna in partenza! Si vuole assicurare che io sappia guidare bene, ma dopo dieci minuti alla guida si rilassa ed inizia a chiacchierare in maniera disinvolta. Musica a palla, fuori piove a dirotto, ma la felicità sui nostri volti illumina tutto l’abitacolo. Ma allora dove siamo diretti? In un posto che ovviamente lei non conosce, dato che non è Italiana, quindi via verso la Croazia!

Dopo un paio d’ore di macchina, qualche sosta, arriviamo verso le 21 in Slovenia, un po’ stanchi, ma super rilassati, prendiamo una stanza d’albergo, però prima scatta una cenetta! Nel ristorante ci siamo solo noi, fantastico, data l’ora tarda, quindi il servizio al tavolo non sia fa attendere. Una scorpacciata di pesce, un po’ di vino, digestivo, siga e poi a via sul lettone.

Cosa succede nella stanza d’albergo? Non ve lo dico mica 😉 La luce del mattino mi sveglia, mi giro e la vedo distesa accanto a me, appena la sfioro, lei si gira e mi dice che la notte parlo nel sonno, ci guardiamo e scoppiamo a ridere. Con un po’ di fatica ci alziamo dal letto, colazione, pronti, partenza e via che il gigolo secondo giorno deve continuare.

La giornata è stupenda, non c’è nemmeno traffico per la strada, i finestrini aperti fanno concorrenza all’aria condiziona, quindi vento tra i capelli e via verso l’infinito. Verso le 12 arriviamo a destinazione, quindi ci prodighiamo alla ricerca di una stanza decente. L’agenzia del posto ci propone un contatto che ci fa visitare un appartamento con cucina. Struttura della casa troppo vecchia, non ci piace, quindi via alla ricerca di un nuovo posto adatto a noi.

Il gigolo ha un lampo di genio. Ho saputo che hanno costruito dei nuovi bungalow all’interno di un campeggio, quindi ci buttiamo su questa idea. Arriviamo, visitiamo la struttura, ci piace molto e quindi finalmente scarichiamo la macchina! Doccia rinfrescante, finalmente indossiamo infradito, canotta e pantaloncini e via in direzione spiaggia per pranzare.

Gigolo secondo giorno è infinito. Non mi sembra vero, si pasteggia fronte mare, con dell’ottima carne e dell’ottimo vino. La temperatura è ideale, ci godiamo il movimento del mare tra una risata e l’altra, tutto quello che ci circonda è paradisiaco, dalla vista ai sapori culinari, alla compagnia.

Il pomeriggio lo sfruttiamo facendoci un giro per la cittadina, che guarda caso ospita un auto raduno di macchine d’epoca, non vi dico che personaggi! Lei la vedo felice, libera, serena e poi scatta l’aperitivo fronte mare in un locale scicchissimo. Stop, stop…al momento è qui distesa sul divano affianco a me, mi fa cenno che vuole uscire in spiaggia, quindi devo lasciarvi…Appena possibile riprenderò il racconto, ora son distratto dal suo culo che mi fissa impaziente 😉

Vuoi organizzare un appuntamento con me? Fallo ora, fallo subito!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.