Gigolo Parma

Gigolo Parma

Questa volta il vostro gigolo è a Parma. Perché per me è sempre un grande piacere raggiungervi dove desiderate. La donna in questione però l’ho già incontrata in precedenza ed ovviamente le dinamiche del tutto non sono state uguali all’incontro precedente, son state diverse ma super emozionanti e colorite!

“Un giorno qualunque, in una città d’Italia, si sono incontrati un uomo e una donna.
Si erano già conosciuti. Erano già stati l’uno dentro l’altra. Sarebbe stato diverso questa volta? Se la prima volta lei era molto confusa su quello che cercava davvero da quell’incontro con uno gigolo, questa volta voleva rivederlo perché era lui, il gigolo a Parma.

Per provare ancora quelle sensazioni di piacere e annebbiamento insieme.
Quella donna sono io, e con te gigolo Raul, dimentico il mondo, la mia vita, i problemi, i piccoli e grandi dolori, le altre persone.

In tua compagnia dimentico tutto e sto’ bene. Vivo in un mondo parallelo. Un mondo di piacere che non esiste ma tu mi ci porti dentro, o forse chissà ci entriamo insieme.
Ho la sensazione di non essere io, ma è la mia bocca che cerca e trova la tua, il mio corpo che trema sotto i tuoi colpi, la mia carne che accoglie dentro di sé la tua carne.

Non so ricostruire come, non ricordo come è successo, ma mi sono ritrovata con il viso premuto su di un bianco cuscino, con le tue dita nella mia bocca, mentre mi facevi gridare di piacere.
A volte succede che il piacere non si esaurisce e chiama altro piacere. Cosi ti ho chiesto di non smettere, di prendermi, e sei entrato dentro di me, quando ero ancora calda del piacere appena esploso.

E poi le tue mani che spingevano la mia testa per baciare il tuo bellissimo…
Ricordo altre sensazioni piacevoli…Ho riso con te, quando, come due bambini, giocavamo con il cellulare sul letto. E’ stato divertente. Trovo che in quella foto sui cuscini, che ti ho chiesto di cancellare, fossimo davvero belli.

Di più. Belli e quasi innocenti. No, non quella in cui sono rimasta di merda, quella in cui sono venuta bene 😛 Su quel taxi poi, quando hai appoggiato la mano sul mio interno coscia, e io ti ho lasciato spazio, beh avrei voluto che potessi risalire…che importa se il tassista poteva vederci..

Poi che è successo? Te lo ricordi? Caro mio bel gigolo a Parma?
Io più o meno…so che mi sono svegliata accanto a te, mi hai chiesto di voltarmi e le tue mani sono scivolate dentro di me. Ero ancora addormentata, mi sono bagnata piano piano, sentendo il tuo membro gonfiarsi contro di me. Poi mi hai presa con forza, mi hai fatta gemere e aggrapparmi al letto.

Non mi importava se qualcuno ci poteva sentire, o di cosa succedeva nel resto del mondo attorno a noi. C’era solo il mio piacere e il tuo. Le tue mani sulla mia pelle, sui miei fianchi, sul mio collo.”

Stai cercando un gigolo a Parma? O in tutta Italia? Allora l’hai trovato! Per un appuntamento contattami subito, fallo ora, fallo qui.

11 comments

Leave Comment
  1. Emanuela

    Cara Anonima, non sono gelosa di Raul, figuriamoci! In fondo è un gigolo, potrei mai essere gelosa di un gigolo? Sarei una pazza! Non ho parlato di gelosia ma di un filino di invidia per la chimica e l’attrazione che (pare) si crea tra due persone che evidentemente si piacciono e stanno bene insieme anche a letto . Deve essere una grande emozione se è davvero così. Ma poi da quando ho scritto il post di prima non sono nemmeno più invidiosa. Ma proprio per niente. Adesso sono tranquillissima e sorridente. Se siete appagati e soddisfatti delle vostre scelte è fantastico, davvero. E vissero tutti felici e contenti. Me compresa.

  2. Samantha

    Raul hai proprio capito tutto di come scaldare l’animo femminile 😉 brava anche l’autrice-protagonista!!

  3. Anonimo

    Mi piace vedere il mio lato b con la mano di Raul sopra. Tutto cio’ che ho raccontato, dal mio punto di vista, e’ un dono fatto a lui, perche’ ne faccia cio’ che piu’ gli aggrada. Mi ha colpita @Emaniela leggere cio’ che hai scritto, riguardo alla gelosia. So cosa significa soffrire per gelosia, e’ un dolore che nessuno merita di provare. Di Raul riesco a non essere gelosa e anzi credo che nel momento in cui dovessi provare dolore probabilmente non riuscirei piu’ ad incontrarlo. Io mi concentro molto su me stessa con lui e su come lui mi fa sentire. Che poi e’ l’unica cosa che conta. E poi, cara Emanuela, ci sono uomini brutti e uomini belli (come Raul) ma noi siamo tutte quante bellissime e affascinanti, siamo donne! E chi dice il contrario e’ uno stupido o un bugiardo

  4. Emanuela

    Wow … Ogni volta che leggo le descrizioni così eccitanti e intense dei tuoi incontri il cuore comincia a battermi forte.
    All’inizio era invidia nei confronti di queste bellissime donne passionali (vedi foto super sexy – bravo bravo bravo) mista ad eccitazione.
    Ora non capisco se provo le stesse sensazioni per i medesimi motivi. So solo che mi emoziono e mi eccito ancora. Ti penso in quella situazione e immagino me al suo posto. Allora mi bagno, la respirazione accelera insieme ai battiti del cuore, e sento impellente il bisogno di toccarmi per alleviare la tensione ormai alle stelle. Le mie dita tremanti scivolano al posto giusto e in quell’attimo tutto sembra reale, il mondo attorno cessa di esistere. Rimane solo la mia fantasia e il ricordo. Una fantasia è pur sempre una fantasia, un surrogato del desiderio, ma spesso può essere utile e può anche salvati la vita. Io mi sono salvata così un sacco di volte. Tutte le volte che non riesco a distogliere la mente pensando ad altro. Tutte le volte che vengo attirata proprio lì, nella tela del ragno. Ma non posso evitarlo, sono la falena attratta dalla luce della lampada…sa che si brucerà e perderá la vita ma quando vede la luce non può resistere alla tentazione di avvicinarsi per sentirne il calore sul suo corpicino freddo. Il calore è benessere, scalda il sangue come il piacere. Credo sinceramente che questo incontro sia stato bellissimo per entrambi. Al di lá del piacere fisico che avrete certamente condiviso, ci sarà stata anche la confidenza e la complicità che nascono tra due persone che già si conoscono perché si sono già viste. Sono commossa e vi invidio (in senso buono) perché deve essere una bellissima emozione. Spero di trovare anch’io un giorno qualcuno con cui condividere un’avventura così. Un abbraccio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.