gigolo Bergamo

Gigolo Bergamo

Gigolo a Bergamo? Sembra proprio così, questo week-end dovrei apparire in questa città.
Lei mi contatta, qualche mese fa, sappiamo che la maggior parte delle donne che mi cerca ci mette come minimo qualche settimana per organizzarsi, devono decidere con precisione la data, città dove vedersi, tempo da trascorrere assieme, albergo in questione, magari prenotano già il ristorante, si informano meticolosamente anche cosa visitare, insomma, non lasciano nulla al caso.

Quindi il gigolo partirà per Bergamo, con tutta la curiosità che mi accompagna sempre quando devo imbattermi in un nuovo incontro. Dalle foto che mi ha inviato, traspare un donna curata, carina, slanciata e dal bel fisico.

Ma sapete benissimo, che non mi fermo solo alle apparenze, la cosa che mi intriga di più sono i suoi pensieri, come ragiona, che visione ha della vita e tutte quelle sfumature che in una sola foto non puoi cogliere. Certo, il fisico, la bellezza è la prima cosa che ti balza agl’occhi, meglio rotolarsi tra le lenzuola con qualcuna dalle linee piacenti, ma se risulta solo carina e senza altro da dire, senza fascino intellettuale, senza personalità, posso dirvi che è una gran rottura di palle!

Secondo me lei ha tanto da dire, ha voglia di vivere, ha voglia di cambiare e per questo, sempre con il suo permesso, vi faccio leggere cosa immagina.

“Non ho mai avuto un uomo come te, un gigolo a Bergamo.
Ti ho desiderato a lungo e ora non mi sembra vero di poterti incontrare e di poter trascorrere del tempo con te. Sembra tutta una favola per adulti. Così bella che ho paura. Ho tanta paura che il sogno si infranga a un passo dal suo realizzarsi, caro accompagnatore!

So che devo cercare di essere ottimista, ma basta davvero un niente… E io non sono mai stata fortunata in queste cose.
Quando nel silenzio della notte tutti dormono, mi avvolgo nel piumone come una farfalla nel suo bozzolo e penso a te. Penso a quando dispiegherò finalmente le mie ali, guidata dal calore delle tue carezze.

E allora chiudo gli occhi e la mia mano scende proprio lì, dove ne ho più bisogno.
Nel centro del mio piacere.
Le mie dita cominciano ad esplorare piano. Il mio fiore apre i suoi petali per accogliere. É caldo, liscio e bagnato.

Freme sotto il mio tocco, brividi mi percorrono la schiena, immagino che le mie mani siano le tue mani.
Il piacere aumenta, sento le mie parenti contrarsi e soffoco un gemito. Devo essere silenziosa, per non rischiare di svegliare chi dorme accanto a me. Non posso abbandonarmi, godere ad alta voce.

Non l’ho mai fatto. Ho dovuto sempre toccarmi in silenzio e di nascosto. Per non farmi vedere, per non farmi sentire. Sempre. E mentre cerco di normalizzare il respiro, sento il sangue scorrere veloce nelle vene, i battiti accelerati.

Guardo nel buio della mia stanza. Sento qualcuno che russa. Mi giro su un fianco e mi raggomitolo su me stessa stringendo le cosce. Era solo una fantasia e tu non ci sei.
Sospiro ancora una volta e cullata dai battiti del mio cuore mi addormento.”

Dopo questo messaggio, mi sembra evidente che lei ha bisogno di sentirsi libera, ha il desiderio di poter ansimare ad alta voce, ha la necessità di sentirsi donna e per questo si affida al gigolo di Bergamo.

Hai anche tu voglia di incontrarmi? Contattami ora! L’accompagnatore a Bergamo ti aspetta!

2 comments

Leave Comment
  1. Nanaladyna

    Eh come la capisco!! Ho il suo stesso problema :/
    Ma non bisogna scoraggiarsi si lo so parlo proprio io che mi butto giù con niente…
    A presto!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.