accompagnatore rimini

Accompagnatore Rimini

Accompagnatore Rimini il titolo di questo inizio settimana, buongiorno a tutti voi! Oggi, il vostro gigolo vi propone una visione particolare di uno scorcio, di un momento di passione, visto dagli occhio di lei, immedesimandosi nei mie.

“Non è la prima volta che incontro il nostro bel accompagnatore donne a Rimini e so che non sarà neppure l’ultima, perché con lui, ogni ora passata assieme, diventa speciale, magica, luminosa. Oggi voglio vedermi attraverso i suoi occhi e per questo ho buttato giù qualche riga, per far intendere a tutte voi, quanto sia speciale quest’uomo, non un semplice gigolo a Rimini.

“Quel mattino mi svegliò una specie di dondolio, ma appena mi resi conto di essere ormai uscito dal sonno, non lo sentii più. Rimasi immobile, come per riaddormentarmi ancora, e allora la sentii muoversi appena, non per girarsi o cambiare posizione, ma con movimenti fluidi, lenti, continui.

Era caldo in quei giorni, ci eravamo addormentati la sera prima senza nemmeno il lenzuolo addosso, appiccicati d’amore, ma ognuno nel suo angolino.
Volevo guardarla e mi girai dalla sua parte, facendo finta di essere ancora addormentato. Lei si bloccò di colpo, ma, non appena credette di capire di essere di nuovo sola, ricominciò quel rollio ed io aprii mezzo occhio.

Mi dava la schiena, teneva le ginocchia piegate e il braccio libero scompariva alla mia vista, lasciando il campo alle natiche rotonde che adesso iniziavano a danzare molto lentamente, ora avvicinandosi, ora allontanandosi da me.
La luce calda del mattino cominciava a filtrare dagli scuri e si posava senza fermarsi sulla sua pelle,
come in volo, come per passare oltre, per non ferirla.

Ma era il suo corpo che sembrava cercare e poi fuggire la luce, in quel suo ondeggiare, svelando ogni volta un angolo diverso, una curva nuova. Quando cominciai a sentirla sospirare leggermente, mi avvicinai e le passai la lingua dalla piega delle natiche fino alla nuca, e lei si scosse appena, ma non fermò la mano.

Fui io a prendergliela, indugiando con lei fra le sue dita calde e roride di vita. Accarezzavo le sue dita, poi mi spostai più sotto, per aprirle le labbra ed accarezzarla dentro mentre lei mi accompagnava con i gemiti e i gesti, continuando a sfiorare ora la mia mano, ora il clitoride.

Sentivo i suoi fremiti da dentro e percepivo l’avvicinarsi dell’orgasmo.
“Ora basta” le dissi. Le presi la mano, facendola girare prona e stringendole anche l’altra, in modo che si trovasse con le braccia allargate e completamente sovrastata da me.

Lei gemette e allargò le gambe, io la penetrai con forza, ma senza violenza. I fianchi di lei mi accompagnavano, ma io le dissi: “Ferma, sentimi, sentimi”.
Così rimase immobile, concentrata su quel mio passare e ripassare inesorabile, che la nutriva e la colmava fino a quando sembrò perdere la sensazione dei suoi stessi confini e io la sentii marea, risacca, puro fluido.

La lasciai riposare e poi abbracciarmi avvicinando la sua bocca alla mia, per baciarmi come se volesse lei ora entrare in me. La sentivo così profondamente abbandonata e desideravo perdermi in lei e scomparire.
Lasciai che le sue mani si raccogliessero intorno al mio membro, che scorressero calde e bagnate del suo amore, stringendolo forte prima di guidarlo ancora dentro di sé.

Questa volta io mi lasciai andare, la sentivo e la volevo aperta per accogliermi, ma a lei non bastava, contrasse i muscoli per stringermi e portarmi dove voleva lei, mentre anch’io mi muovevo appena per non perdere nulla di quell’unione perfetta che ci spingeva l’uno verso l’altra, fino a sollevarci sopra il mondo, sopra noi stessi, per tornare alle radici della vita.”

Questo scritto me l’ha inviato appunto Barbara da Rimini, dicendomi di leggerla e di farne poi quello che avrei voluto. Il vostro accompagnatore a Rimini l’ha pubblicata! Come lasciare nel cassetto un pensiero così profondo e visionario? Impossibile, va sicuramente pubblicato e condiviso…

Vuoi provare anche tu delle medesime sensazioni con il tuo accompagnatore a Rimini o nella tua città?

Contattami ora per un appuntamento, fallo qui!

Il gigolo che ti raggiunge in tutta Italia ed estero.

2 comments

Leave Comment
  1. Anonimo

    Emozionante! Una donna che scrive travestita da uomo. Ha colto il sentire maschile? Comunque eccitante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.