Gigolo, Che La Festa Abbia Inizio

Gigolo, Che La Festa Abbia Inizio

Buongiorno a tutti voi, io sono ancora un po rinco…questa mattina. E già, ieri mi son sentito dire, gigolo, che la festa abbia inizio! Un brivido freddo mi è passato lungo la schiena! Ma partiamo dal principio.
Ieri sera verso le 20 son dovuto scendere nel centro città a fare delle commissioni. Me la son cavata nel giro di un’ora e nella mia testa pensavo già a preparare la cena.

Malauguratamente, girando l’angolo di una via, mi sento chiamare ad alta voce…
“Ehi, bel accompagnatore per signore, vieni qui, sbrigati!”
Ovviamente, essendo girato di spalle verso chi mi chiamava e sentendo questa frase urlata da una ragazza, mi son detto: ” Nooo, cazzo, stai a vedere che oggi non cucino”.

Ormai non potevo far finta di nulla, chi mi ha chiamato così, ovviamente mi conosce bene, ma non avevo ancora riconosciuto quella voce femminile. Mi giro e vedo a 100 mt un compagnia di ragazze, una di loro sbraccia per essere individuata, ma da lontano la riconosco, una mia vecchia amica che non vedevo da tempo, Luisa.

Come mi avvicino al gruppo, Luisa mi salta al collo tutta sorridente, mi sbaciucchia per salutarmi, mi stringe e mi dice:” ma come cazzo fai, ogni volta che ti vedo mi sempre sempre più giovane, oppure sono io che invecchio male?!”.
Risata generale, mi presenta alle sue amiche, mi passa immediatamente in mano un bicchiere di vino e chiama un brindisi per il suo amico accompagnatore per donne.

Le ragazze mi conoscevano di vista, ma una in particolare esclama: “ma allora se proprio tu che fai il gigolo?”
“Certamente” le rispondo sorridendo e noto sul volto di lei una certa curiosità per la mia professione.
Luisa rincalza dicendo: “ma come, non lo sapevate? E’ lui, è esattamente lui, aveva fatto pure degli articoli sul quotidiano delle città, non l’avevate riconosciuto?”

E da questo punto è iniziata la vera festa. Tutte e quattro a chiedermi: “ma scusa, posso farti una domanda?”
E l’altra:”No, no, aspetta, ci sono prima io!”
“Allora, facciamo così…”rispondo io “Ognuna di voi ha tre domande a testa ed esaurite, deve pagare un giro a tutti noi se vuole continuare ad interrogarmi sull’argomento. Nemmeno a dirlo, tutte e quattro in coro:
“Ci sto, si si, anch’io, che figata, ma prima io…”

Tra un brindisi e l’altro, un sorso di vino di qua e uno di la, dammi una siga, passami un filtrino, la nostra conversazione si fa sempre più fitta ed intrigante. Da subito le prime domande di routine, del tipo:
“Da quando fai l’ accompagnatore, perché hai iniziato a farlo, che differenza passa tra un accompagnatore per donne ed un gigolo e così via dicendo…

Dopo un po, la conversazione si è sposta sull’argomento del tipo di donne che incontro, le loro storie, i loro motivi, insomma, abbiamo discusso sul perché mi cercano. Non facendo nomi, ho raccontato un po delle avventure che mi son capitate, giusto fino all’altro giorno, loro ascoltavano con attenzione, qualche smorfia di disappunto, qualche applauso e e tanta curiosità in merito.

Senza accorgersene si era fatto tardi in un momento, quindi tutti e cinque abbiamo dovuto salutarci per forza di cose, tutti dovevamo alzarci presto al mattino seguente. Ma prima di lasciarci, ho fatto io una domanda a loro quattro: “ora, ognuna di voi, con una frase, deve dirmi che conclusione ne ha tirato fuori da tutta questa storia dell’accompagnatore“.

La prima:” Per me fai benissimo, dacci dentro più che puoi! Non voglio tradire il mio ragazzo, ma se fossi single, saresti già mio!”

La seconda:” Io non capisco che cazzo hanno queste donne che ti cercano. Dicono tanto di amare il proprio compagno, fanno tutte le santarelline e poi viene fuori che vengono a scopare con te. Ipocrisia pura.”

La terza:” Sai che ti ammiro, ora che ho conosciuto un uomo che fa l’accompagnatore per donne…Oltre ad essere un uomo affascinante ed interessane, ma questo te l’avranno detto in tante, tu riesci a capire l’esigenza di una donna e fai di tutto per soddisfarla, ti piace assai quello che fai e non deve essere nemmeno tanto facile, viverla in prima persona, bravo complimenti!”

La quarta, Luisa:” meno male che ho avuto na botta di culo a conoscerti anni fa, altrimenti ora dovrei fare un mutuo per tutte le volte che sei venuto a trovarmi!!!ahahahahahaha”

Bacio generale a tutte, abbraccio con strusciatina (da parte loro), una promessa di risentirci per fare una serata tutti assieme e poi la camminata verso casa, con un buco allo stomaco per la fame ma con una gioia per la bella serata che riempiva anche la pancia.

Organizza ora l’appuntamento con il tuo gigolo a Bergamo o nella tua città!

Fallo ora, clicca qui!

L’accompagnatore per donne che ti raggiunge in tutta Italia ed estero.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.