Come Fare Godere una Donna in 5 Passi Parola di Gigolo Raul

Come Fare Godere una Donna in 5 Passi Parola di Gigolo Raul

Buongiorno mie adorate vogliose e frigidone, oggi il vostro gigolo vuole esplicare l’argomento su come fare godere una donna in 5 passi. Chi, meglio di un accompagnatore per donne, che lavora direttamente sul campo, può darvi un quadro generale? Forse Rocco Siffredi dite voi, ma lui lavora con delle attrici e le donne che io incontro, non lo sono!

Le donne, queste splendide creature, oltre ad essere affascinanti, intelligenti ed obbiettivo di conquista da parte degli uomini, sono esigenti! E già, anche se al momento, qualcuna di loro può sembrare ai vostri occhi, soddisfatta, magari in fondo non lo è, ma su questo punto ne discuteremo in futuro, ora concentriamoci su come dobbiamo agire noi.

Una donna che chiama gigolo Raul è una donna con una mancanza, di qualsiasi natura essa sia, per questo si affida alla mia professionalità, vuole avere da me, quello che altri uomini non le sanno dare a letto e anche fuori dalle lenzuola. Ma vediamo allora, secondo il mio punto di vista, come posso consigliarvi…

1. ASCOLTARE. Come primo passo, dovete conquistare la loro fiducia, se avete delle vostre tecniche collaudate è già un punto a vostro favore, ma questo non vuol dire che funzionano con tutte. L’imperativo è ascoltare! Durante questa prima fase dovete avere le orecchie ben aperte e gli occhi spalancati. Bisogna osservare bene i movimenti del corpo, i messaggi che lei ti invia, sia consciamente che inconsciamente, sii un ottimo osservatore.
Nella conversazione devi essere spigliato, simpatico, leggero e dare la tua opinione sul discorso che viene affrontato. Nel dialogo fai dei discorsi espliciti sul sesso, ovviamente usando dei sinonimi non volgari, fai delle domande dirette e ascolta bene le sue risposte, ti indicheranno già i loro punti caldi.

2. USCIRE DAGLI SCHEMI, IMPROVVISARE. Avete sicuramente presente la routine di una coppia generica, no, diciamo una coppia piatta, che fa sempre le stesse cose, scopa quattro volte al mese, alla solita ora, nella stessa posizione, con le stesse tempistiche? Ecco, voi dovete fare tutto il contrario. Dovete sorprenderla, la maggior delle volte possibile. Come? Cambiate il vostro modo di approcciarvi, se lei gironzola per casa e si sta facendo i cazzi suoi, magari andate li e le tirate uno di quei baci da farle mancare il fiato, una bella palpata stretta nei punti giusto, giusto per qualche secondo e poi ve ne andate da dove siete venuti. Dovete farle capire che la considerate, che lei vi provoca questi effetti improvvisi, anche quando tutto sembra tranquillo, con voi vicino, non deve esserlo mai!
E non dimenticatevi di farlo anche nei luoghi pubblici, quando passeggiate, al ristorante, al bar, ovunque.

3. ESSERE DOMINANTI E DOMINATI. Giusto qui vi voglio…il vostro accompagnatore per donne ne ha viste di cotte di crude, quindi fidatevi. Dovete dominare, condurre il gioco, siete vuoi l’uomo, il cacciatore, il componente virile della coppia e cazzo, fate gli uomini! Prendete l’iniziativa, alle volte coccolandola, altre andando dritti al sodo. Non siate mai monotono, sperimentate nuove posizioni o almeno delle varianti delle stesse. Prendetela con forza, ma senza forzare troppo e tirate sti capelli e sculacciatela, giusto per farle provare quel gusto agro dolce di piacere. Non ho mai conosciuto in vita mia una donna che non adori questa tecnica. Sbizzarritevi.
Usate anche la tecnica del dirty talk, ma cercando di capire da subito fino a dove potete spingervi per non creare l’effetto opposto.
Ma non dimenticate, che in alcuni momenti, dovete lasciare la fune, rilassatevi e vedrete come lei si avvicinerà in un modo furtivo e si impegnerà in egual misura a cercare di soddisfarvi in tutte le maniere e ribadisco, tutte.

4.COCCOLATELA. “Come, io che l’ho scopata fino alla morte, l’ho fatta pure venire tre volte, ho ascoltato, improvvisato, ho dominato e mi son fatto dominare, ora dovrei pure coccolarla?” Mi sa di si, caro amico…
Ora lei si trova vicino a te, tutta bagnata, ancora ansimante, con gli occhi chiusi, sudaticcia, ancora sconvolta e ora tu abbracciala (se non ti respinge, capita anche questo), sfiora la sua pelle dolcemente, le sue curve, il suo profilo e non cascare con la mano tra le sue gambe, almeno per qualche minuto, perché se hai fatto bene il tuo sporco lavoro, sarà talmente in post orgasmo che quasi le darà fastidio se subito andrai a punzecchiarla proprio lì. Le coccole sono importanti, anche perché, il suo cervello si ricorderà che alla fine di tutto quel sesso sfrenato, ha finito la sessione da monta, con un periodo di leggerezza e piacere, quindi paragonerà tutto l’amplesso una cosa non traumatica, ma fantastica! Hai fatto centro…

5. ALLENATI. Rileggi i punti sopra indicati ed allenati e porta le tue tecniche in maniera sempre migliore, sii preciso su quello e come lo fai, lei sente tutto, ogni minimo movimento delle tue dita, del tuo uccello sul suo corpo, quindi stai attento e concentrato e ogni tanto fanculizza questi punti e fai un pò come cazzo vuoi!

Ora, lascio la parola a tutti voi, scrivetemi pure le vostre esperienze sull’argomento…

Organizza ora l’appuntamento con il tuo accompagnatore Bologna o nella tua città.

Fallo ora, fallo qui!

Il gigolo che ti raggiunge in tutta Italia e all’estero.

Condividi ora dal tuo telefono questo articolo, a chi pensi possa servire, cliccando sul tasto qui sotto.
(visibile solo accedendo con il cellulare)

10 comments

Leave Comment
  1. Kikka

    Salve Raul, sono arrivata al tuo sito per puro caso, leggevo un articolo sulla festa delle donne, ed in un angolino ecco che si parla di un gigolò che ha lasciato l’imprenditoria per dedicarsi alla “PROFESSIONE”. chissà poi perché se si tratta di una donna anche se fa l’accompagnatrice alla fine si definisce zoccola, mentre se si tratta di un uomo, anche se fa il gigolò per tutti è un ganzo. comunque.
    non mi fraintendere, non ho nulla contro il gigolò ne contro l’accompagnatrice, se avessi avuto il fisico forse li avrei scelto anche io come lavoro, così come se avessi i soldi mi rivolgerei ad uno come te per sopperire alle mancanze di un letto che oramai serve solo per dormire.
    però a parte questo e a parte tutte le divagazioni che mi accorgo di aver scritto, volevo solo scriverti perché mi incuriosisce un uomo che si dedica alla soddisfazione delle donne come professione, e si impegna al di là della semplice cavalcata ma porta il proprio lavoro al livello di un cavaliere per un giorno.
    so che sono un po’ dispersiva in quello che scrivo, ma avevo solo voglia di lasciare due righe, e di parlare con una persona che ascolta per professione.
    un bacio
    K

    • gigoloraul
      Author

      Ciao Kikka, intanto ti voglio ringraziare per il tuo intervento. Il confronto che fai tu tra un ganzo e una zoccola l’ho sentita fino alla nausea. Ma vedi, questi sono solo dei pregiudizi della gente che non capisce fino in fondo il ruolo di chi offre dei servizi sotto le coperte. Io me ne son sempre stra fregato di quello che dice la gente, altrimenti a quest’ora sarei ancora li a pensare se farlo o meno. Dici bene quando affermi che ascolto per professione, non lo faccio solo quando vengo pagato, ma mi piace confrontarmi e se posso dare qualche consiglio lo faccio sempre volentieri. Non abbatterti per il tuo fisico, ma cerca fin da ora di migliorarti, così anche per il fattore economico. Poi se vuoi scrivermi in privato, fai pure! Un bacio a te…

  2. mary

    Caro il mio tristone mi sa che non hai capito un cazzo delle donne…da come parli sembra che lo fai sembrare una fatica…e lo e’ x ki come te deve scoparsi donne che non gli piacciono mentre quando ami davvero una persona tutte queste cose avvengono naturalmente. .non c’è bisogno di regole e allenamento…ciao ciao

  3. Anonimo

    Sì sente che non conosci la mano di raul. Non ti l’ascia segni se non nei sensi. Non è mai violento a meno che non capisca che è quello che vuoi. Una sculacciata può essere dolce e erotica eerccitante . Dipende da chi la fa, da chi la prende, da come arriva, da quando arriva.

  4. Ale

    Raul, sarò forse la prima ma non sopporto di essere sculacciata né che mi tirino i capelli. Nella mia esperienza la maggior parte dei maschi lo fa da quando esiste internet e la possibilità di video porno di ogni genere. Credo anche che tante donne a cui non piace lo accettino per accontentare l’uomo che lo fa, che poverino chiedendo magari a lei
    se vuole, si risparmierebbe una pedata nelle palle, come ho reagito io quando il mona del momento si sentiva molto
    Rocco Siffedi (per niente poi) e ha cominciato a mollarmi dei cinque vigorosi sul culo dandomi della zoccola. Ho reagito appunto con un calcio nei coglioni e dicendogli che l’unica troia del circondario era quella che si era sposatolui. Insomma l’uomo deve fare l’uomo ovviamente, non è che mi piacciono le mammolette, ma se una è delicata magari sarebbe il caso di evitare la mano morta pesante. Mi sono rimasti i segni delle manate per qualche settimana…Un bacino…delicato

    • gigoloraul
      Author

      Ma ciao Ale…”delicata” A mio avviso, quando vuoi mettere in atto delle fantasie, durante l’amplesso sessuale, la cosa deve crescere a son di passi e approvazioni implicite ed esplicite da parte di entrambi i partners.
      Bisogna essere abili a percepire, a capire e anche a chiedere quali sono le cose apprezzate a letto e quali no.
      Ovviamente non parlo solo nella professione di gigolo, in quanto devo “analizzare al volo” chi mi trovo davanti, ma io la vedo così. Grazie per il tuo pensiero e parere, bacio a te!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.